MB Crusher per il futuro della Commissione Europea

14-05-2020

Una benna frantoio e una benna vagliante MB Crusher riciclano il materiale di risulta nel cantiere per la costruzione del nuovo palazzo sede della Commissione Europea.

 

Il Jean Monnet 2, il nuovo edificio amministrativo per la CE, sarà costruito nel grande parcheggio del complesso “Jean Monnet”.
Nato da un progetto congiunto di JSWD Architects (Colonia), Chaix & Morel et Associés (Parigi) e Bertrand Schmit (Lussemburgo), il nuovo palazzo sostituirà un edificio per uffici edificato nel 1975.

Un cantiere importante, quindi, con obiettivi ben precisi:

  • realizzarli con un basso impatto energetico;
  • non creare disagio alla viabilità circostante.

Iniziati nel settembre del 2019, i lavori si concluderanno nel 2024 con la costruzione di una torre di 22 piani.

Il progetto Jean Monnet 2

Come si raggiungono questi obiettivi 

Utilizzando processi e tecnologie ad alta efficienza energetica e limitando il traffico dei camion in entrata e uscita dal cantiere.

Un centro di riciclaggio con i macchinari MB Crusher.

Quali mezzi possono fare la differenza quindi?

Ad esempio due macchinari MB Crusher, il frantoio per escavatori BF120.4 e una benna vagliante MB-S18, entrambi installati su escavatori Kobelco già al lavoro in cantiere e utilizzati per lavorare il materiale di risulta dalla demolizione del vecchio palazzo Jean Monnet.

Sì perchè il nuovo edificio sorgerà proprio dai resti del vecchio: innovazione ma continuità.

Un centro di riciclaggio con i macchinari MB Crusher.

Quali vantaggi hanno portato le due unità MB in cantiere?

Frantumare e vagliare direttamente in loco.
Dopo la demolizione dei vecchi edifici e la selezione dei materiali da recuperare, il frantoio a mascelle BF120.4 e il vaglio per escavatore MB-S18 hanno recuperato il materiale di risulta frantumandolo e vagliandolo direttamente in cantiere in modo da poterlo subito riutiizzare come sottofondo o riempimento.

Risultati?

  • riduzione del transito di camion da e per il cantiere per il trasporto del materiale;
  • meno inquinamento e traffico;
  • cantiere eco-friendly in linea con le direttive europee.
La benna frantoio e la benna vagliante MB nel cantiere del nuovo palazzo della Commissione Europea.

Il materiale frantumato si riutilizza in cantiere

Dopo una prima fase di prova per verificare la qualità del materiale prodotto dalla benna frantoio Bf120.4, l’ufficio progettazione del cantiere ha convalidato l’utilizzo in cantiere del prodotto ottenuto dall’unità MB.

Il frantoio MB Crusher ha consentito di recuperare gli scarti di demolizione mantenendo gli alti standard di risultati richiesti dal riciclo degli inerti.

Ad oggi la benna frantoio MB ha trattato ben 9000 tonnellate di materiale di risulta, garantendo una produttività giornaliera di 500 tons.

Dall’altra parte, la benna vagliante MB-S18 ha selezionato e pulito il materiale per accelerare e facilitare il processo di frantumazione.

Praticamente il cantiere sta beneficiando di una vera e propria stazione di riciclaggio in loco.

Guarda le unità MB al lavoro nel cantiere JMO2.