Frantumando basalto per la DIFTZ in Djibouti con la BF120.4

15-03-2018
Image
Image

Il porto di Djibouti domina il corridoio marittimo di congiunzione tra Africa orientale, il Golfo di Aden e il Mar Rosso. Ha un ruolo cruciale nelle operazioni di import/export dell’Africa orientale e il traffico nella zona è intenso.

Proprio per questo l’autorità portuale sta costruendo una Free Trade Zone: un investimento da 3,5 miliardi di dollari per una superficie di oltre 4800 ettari. La struttura creerà oltre 200.000 nuovi posti di lavoro e rafforzerà il ruolo del Paese nelle rotte del traffico mercantile marittimo. Sarà di fatto una base strategica per i rapporti commerciali del mercato africano. Basti pensare i lavori della Free Trade Zone del Djibouti (DIFTZ) sono iniziati immediatamente dopo la costruzione della nuova ferrovia Addis-Ababa/Djibouti, ben 752 km di binari che uniscono la capitale dell’Ethiopia con il Porto di Djibouti.

Image

La tecnologia MB Crusher al servizio del cantiere

La benna frantoio MB Crusher gioca un ruolo decisivo in questo importante progetto. La scelta di utilizzarla è stata fortemente voluta dal responsabile del cantiere DIFTZ, il manager cinese Mr Yangkai. Il suo obiettivo, infatti, era quello di contenere i costi.

Come? Riutilizzando il materiale di risulta del cantiere direttamente sul posto. Smaltirlo in discarica avrebbe significato alti costi di trasporto, vista la distanza dell’area dai siti di stoccaggio. Cercando su internet si è imbattuto su un video della benna frantoio BF120.4 di MB Crusher. Ne fu subito impressionato, per la quantità e la qualità del materiale frantumato ottenuto in pochi minuti di lavoro. Decise quindi di acquistarla. E ad oggi rifarebbe la stessa scelta, scartando qualsiasi altra opzione.

Image

Installata su un escavatore Volvo EC3800L, la benna frantoio BF120.4 dovrà frantumare oltre 1 milione di metri cubi di basalto. Un materiale naturale con elevato grado di compattezza e notoriamente resistente alle sollecitazioni. Il materiale frantumato sarà poi riciclato in cantiere. Servirà per la realizzazione del sottofondo stradale della rete viaria della Free Trade Zone e come riempimento delle fondamenta degli edifici.

La benna frantoio BF120.4 è in produzione dal 2004. Oggi è giunta alla quarta serie ed è sempre più performante. E’ adatta a escavatori con peso operativo superiore alle 30 tonnellate ed è concepita per soddisfare le esigenze di frantumazione in cava, miniera e nei grandi siti di riciclaggio di aggregati. E’ un macchinario versatile e potente che si presta senza difficoltà a operazioni di frantumazione su larga scala e di costruzione stradale

Prodotti correlati