Fra mare, rocce e cielo

31-08-2021
[GOWEM - AGO 2021]

[GOWEM - AGO 2021]

“Quando si parla di riduzione dell’uso di materie prime vergini, un aspetto fondamentale è quello del riuso delle terre e rocce da scavo. Un tema che sul cantiere di Sistiana era particolarmente sentito, dato che l’intero intervento prevedeva sbancamenti e scavi di fondazione in roccia (il calcare del Carso) per un totale di circa 20.000 metri cubi.

Per l’acquisto della benna frantoio, ci siamo rivolti alla MB Crusher perché avevamo bisogno di un’attrezzura robusta, efficiente e produttiva. La scelta è caduta sul modello BF70.2, adeguata come capacità produttiva alle esigenze del cantiere. La benna è dotata di attacco rapido e ci consente quindi di passare, utilizzando solo un escavatore, velocemente dalla fase di demolizione a quella di frantumazione secondaria”. […]