MB Crusher | La vendemmia non è ancora finita… Fai fruttare anche i pali!

10-08-2017

[SCIME, Agosto 2017]

L’asportazione delle colture è un’operazione complessa, che spesso diventa onerosa per le aziende perché produce un grosso quantitativo di rifiuti, sia organici che rappresentati dagli stessi pali in cemento.

In particolare, i vecchi pali in calcestruzzo sono considerati rifiuti speciali e il loro smaltimento comporta costi elevati e complessità burocratiche, perché deve essere compiuto in modo sostenibile per l’ambiente e compatibile con le normative locali.

Come smaltirli quindi in modo sostenibile e, allo stesso tempo, redditizio?

Con l’intento di testare la sua gamma di macchinari in diverse aree di applicazione, MB Crusher ha fatto provare le sue benne frantoio ad alcuni coltivatori veneti, proprio durante questa delicata fase di manutenzione straordinaria dei vigneti.

Le benne frantumatrici MB, grazie alla particolare geometria della bocca del frantoio, erano già state utilizzate con successo per la frantumazione e lo smaltimento di traversine ferroviarie e la riduzione volumetrica dei pali della luce, materiali di scarto molto resistenti, ingombranti e voluminosi; perché quindi non testarle anche sui pali in cemento armato di vigneti e frutteti?

Sono bastati pochi minuti di lavoro per capire che il riciclo dei pali poteva essere sostenibile e redditizio, nonché in linea con le normative di legge che regolano il settore.

Da allora, i prodotti MB Crusher sono entrati a pieno regime tra i macchinari in uso anche nel settore agricolo e vitivinicolo.

 La gamma si è ampliata e nel tempo si è affinato il metodo di lavoro, che vede l’uso combinato di diversi macchinari:

le Pinze Movimentatrici permettono di raccogliere i pali in fascine, per gestire facilmente le fasi successive, mentre le Benne Frantoio – montate direttamente sull’escavatore presente in cantiere – procedono alla riduzione volumetrica del cemento
.

Dotate di un esclusivo deferrizzatore brevettato, le Benne Frantoio MB permettono di liberare il ferro dal cemento, che può essere riutilizzato per altre applicazioni cantieristiche. I pali in cemento, come le vecchie traversine ferroviarie o i pali della luce, non rappresentano più solo un rifiuto che deve essere smaltito; diventano materiale da riutilizzare per nuove applicazioni o da rivendere.